SHADOW OF ROME SOLUZIONE COMPLETA PC

SHADOW OF ROME SOLUZIONE COMPLETA PC

Consigli generali

AGRIPPA

La cosa più importante di tutte e la vostra salute: senza quella andate poco avanti, quindi evitate di buttarvi nella mischia rischiando di prendere tante mazzate.

La tattica migliore (parlando in generale) è quella di girare intorno agli avversari, aspettare che facciano loro la prima mossa (stando attenti a schivarla) e poi attaccarli subito, approfittando della loro momentanea scopertura.

Incitate spesso il pubblico, possibilmente mostrando gli arti o le teste dei nemici. Riceverete in cambio cibo e nuove armi. State però attenti a prendere subito ciò che vi lanciano, perché anche i nemici posso approfittare di quelle che piove dalle tribune (cibo o armi che siano).

Quando mangiate cercate di nascondervi da qualche parte: in un angolo, dietro un muro o semplicemente allontanatevi dai nemici. Premete velocemente il Quadrato per masticare più velocemente e poter quindi tornare alle armi.

Le armi piccole vanno bene per i nemici medio/piccoli; le armi grandi vanno bene per i nemici grandi. Utilizzare un’alabarda contro tanti piccoli nemici è alquanto sconveniente; allo stesso modo, armi piccole contro nemici grandi richiedono molti colpi per mandare l’avversario per terra. Cercate quindi di usare l’arma migliore per ogni situazione; se però non avete alternative, accontentatevi di ciò che avete e sfruttatelo al meglio.

Controllate sempre la resistenza di un’arma: quando questa finisce, l’arma si rompe e ve ne dovete procurare un’altra. Quando la resistenza di un’arma è quasi finita, lanciatela contro un nemico (Triangolo) e attaccatelo subito per prendere la sua arma o attaccarlo anche a mani nude.

Utilizzate l’arco a frecce normali solo quando dovete colpire nemici ignari o che sono molto lontani perché, a breve raggio, questo è piuttosto inutile.

Lanciate i barili addosso i nemici: se questi barili erano pieni d’olio, potrete poi utilizzare una torcia o una freccia infuocata per dare fuoco al nemico.

Quando vi attaccano tanti nemici insieme, correte in tondo intorno a loro (in questo modo loro non vi colpiranno mai) e fate rapidi attacchi e ritirate; continuate così finchè il loro numero non sarà diminuito.

Parlate sempre con tutti i vostri compagni prima di ogni combattimento: vi forniranno utili consigli.

OTTAVIANO

Fase stealth:

E’ essenziale non farsi scoprire. Se vi fate scoprire e non trovate immediatamente un rifugio, siete quasi spacciati. Non buttatevi perciò allo scoperto ma agitate sempre con calma e furbizia.

Controllate sempre la mappa per individuare le posizioni dei nemici, i loro movimenti e le posizioni di eventuali oggetti sparsi. Ricordate però che, quando visualizzate la mappa, il gioco non resta in stand-by ma prosegue, quindi assicuratevi di essere in un posto sicuro prima di visualizzarla.

Memorizzate le posizioni di tutti i possibili nascondigli: nel caso veniate scoperti saprete subito dove nascondervi.

Quando siete travestiti è fondamentale una camminata lenta, sicura e disinvolta. Evitate comportamenti strani che rischiano solo di farsi scoprire. Se una guardia vi pone una domanda, fermatevi a rispondere ed evitate risposte fuori luogo. Se una guardia vi fissa, voi proseguite per i fatti vostri come se nulla fosse.

La ricerca delle monete è facoltativa, quindi non dovete per forza andare a prendere anche le monete nascoste in punti difficili da raggiungere: se per caso fallite la missione vi toccherà ricominciare da capo, quindi la ricerca delle monete va a vostro rischio e pericolo.

Fase normale:

Parlate con tutte le persone che incontrate: scoprirete sempre cosa succede in città e saprete cosa rispondere alle guardie romane quando vi interrogano.

Controllate sempre la mappa per individuare dove si trovano le monete: più ne raccogliete, più oggetti potrete comprare al mercato e più bonus potrete sbloccare.

In The beginng

Arena

Dopo le scene iniziali vi ritrovate nei panni di Agrippa nei momenti antecedenti l’inizio di una battaglia nell’arena. Un tizio vi spiega a cosa andrete incontro. Parlate con gli altri presenti per ottenere altre informazioni, quindi fatevi sotto.

Obiettivo: sopravvivere

Ci sono 5 nemici. Prendete subito l’arma di fronte a voi e attaccate il nemico di fronte. In questo livello i nemici non sono irresistibili, comunque non date per scontata la vittoria. Prendete un nemico alla volta e uccidetelo; incitate la folla, prendete un’eventuale nuova arma e dedicatevi ad un altro nemico. Quando saranno tutti all’altro mondo, prendete la porta e accedete alla prossima zona.

Obiettivo: eliminare tutti i nemici

Correte verso il nemico con l’arco e stendetelo prima che vi provochi troppe ferita con le sue frecce (se avete preso uno scudo della zona precedente sfruttatelo per ripararvi dalle frecce). Dovrete affrontare 3 nemici in tutto. Eliminate prima quello dell’arco, poi pensate agli altri due. Incitate la folla per farvi mandare del cibo nel caso ne abbiate bisogno. Dopo aver fatto fuori anche questi due, accedete all’ultima zona.

Obiettivo: giustiziare tutti i presenti

Vi ritrovate di fronte a tanti malviventi, ciascuno dei quali è disarmato e completamente inoffensivo. Sbizzarritevi, fateli fuori nei modi più spettacolari e incitate il pubblico. Tenete da parte e in buono stato un’arma grande; quando avrete eliminato tutti, arriva il boss finale.

Obiettivo: eliminare il nemico

Davanti a voi c’è un bestione con una grande mazza chiodata. Se avete conservato una delle armi grandi che vi ha lanciato il pubblico, non vi sarà difficile stendere e finire questo armadio. Se anche però avete una piccola Gladius, la battaglia non sarà difficile: vi servirà solo qualche mazzata in più. Quando anche questo è ko, godetevi la scena conclusiva.

La Malvagità dell’uomo

Foresta germanica

Torniamo indietro nel tempo, tre giorni prima dei fatti appena avvenuti. Siete ancora Agrippa e siete ai confini dell’Impero, accanto ai territori germanici. Siete in un accampamento romano abbandonato, dovete andare in cerca dei vostri uomini.

Obiettivo: ordinare la partenza

Parlate coi vostri uomini nell’accampamento, rompete (se volete) qualche cassa per trovare oggetti interessanti, quindi raggiungete la destinazione indicata sulla mappa e ordinate al vostro secondo che bisogna partire.

Obiettivo: eliminare i 3 barbari

Siete tre contro due ma questo scontro non è niente di che. Caricate un uomo e mettetelo al tappeto, quindi pensate ad un altro e fate lo stesso. Mentre ve la prendete con questi due, il vostro compagno penserà al terzo. Una volta fatti fuori tutti, passerete alla prossima zona.

Il Foro

Prendete i panni di Ottaviano e assistete alla cremazione di Cesare e alla nomina del suo successore, Antonio.

Parlate con tutte le persone per ottenere informazioni, quindi abbandonate la zona e andate al Senato.

Il Senato

Parlate con le persone che incontrate, quindi andate in fondo alla strada per incontrare Cicerone, il quale vi parlerà della morte di Cesare. Quando Cicerone se ne va, incontrerete una persona che sembra conoscervi.

Foresta germanica

Tornate nei panni

Obiettivo: raggiungere il forte

Dovete raggiungere il forte germanico. Di fronte a voi ci sono 2 nemici, di cui uno addormentato. Avanzate in silenzio verso quello addormentato e uccidetelo, quindi pensate all’altro (non avrete alcuna difficoltà a farlo fuori). Prendete la scimitarra dentro la tenda e proseguite. Più avanti troverete un nemico con una torcia; fatelo fuori lanciandogli la scimitarra. Riprendetevi l’arma, prendete la torcia e utilizzate quest’ultima per distruggere il tronco che ostacola il sentiero poco più avanti. Fate fuori allo stesso modo il nemico poco più avanti e utilizzate la torcia per distruggere il prossimo tronco. Ancora una volta, lanciate la vostra arma contro un nemico ignaro della vostra presenza.

Poco più avanti troverete una guardia romana devastata e un arciere in cima alla roccia di fronte a voi. Avvicinatevi a questo (anche se vi tira delle frecce fa lo stesso) e lanciategli la vostra arma. Prendete un’altra arma vicino alla carrozza e uccidete il prossimo barbaro poco più avanti (anche questo con l’arco). Distruggete la cassa dietro cui questo si nascondeva per trovare della carne. Mangiate, prendete l’arco, salite la scala e proseguite nella caverna.

Andate in fondo al sentiero ed eliminate la guardia di fronte al forte con una freccia. Prendete la chiave che aveva la guardia, sostituita l’arco con lo scudo ed entrate.

Obiettivo: trovare il messaggero

Guardate la mappa per studiare i movimenti dei due nemici, quindi aspettate il momento per colpirli di spalle. Proseguite.

Vi ritroverete accerchiati, ma per fortuna arrivano i vostri a darvi una mano. Se volete, restate ad uccidere i barbari in questa zona, ma potete anche proseguire. Eliminate il nemico con l’arco di fronte al cancello, prendere l’arco e aprite il suddetto cancello.

In questa nuova zona dovrete preoccuparvi principalmente degli arcieri, che potete eliminare col vostro arco. Aiutate poi i vostri uomini ad eliminare un paio di barbari per prendere le loro armi e proseguire oltre il prossimo cancello.

Fate fuori il nemico di fronte a voi con la scimitarra, proseguite, eliminate il prossimo con lo scudo, prendetegli lo scudo e andate oltre il prossimo cancello.

Avete trovato il messaggero e la guardia è girate di spalle. Prendetela di sorpresa ed eliminatela. Prendetele la chiave e liberate il messaggero.

Obiettivo: eliminare il capo germanico

Questo barbaro è tanto grosso quanto resistente, ma non è difficile da eliminare. La tattica vincente consiste nel: avvicinarsi, lasciarlo caricare l’arma, schivarlo e attaccarlo subito dopo. Se ne avete bisogno, trovate altre armi vicino alla cella e un pezzo di carne in una cassa.

Casa di Pansa

Si ritorna da Ottaviano. Il vecchio che vi conosceva si chiama Pansa ed era amico della vostra famiglia, perciò vi aiuterà a scoprire la verità sulla morte di Cesare.

Consultate il libro nella stanza adiacente per ricevere degli insegnamenti sull’infiltrazione (ogni tanto ne troverete di nuove). Nella stanza al piano terra troverete poi la vostra stanza, dove finirà qualunque oggetto compriate al mercato (lo sbloccherete più avanti).

Obiettivo: infiltrarsi nel Senato

Parlate con la gente nei dintorni della casa di Pansa, quindi abbandonata la zona.

Il Foro

Al Foro scoprirete che l’esercito chiede al Senato l’aumento dello stipendio del 30%. Questa informazione vi servirà.

Il Senato

Andate al Senato e parlate con la guardia in fondo a destra. Ditele che al Foro hanno iniziato la distribuzione del denaro e avrete accesso al magazzino.

Una volta dentro, avanzate lentamente per il corridoio. Una guardia vi passerà vicino, quindi nascondetevi dietro la cassa e, quando questa si è fermata, proseguite oltre la porta. Nella prossima stanza ci sono diverse guardie. Avanzate lentamente e infilatevi tra le casse sulla destra stando anche abbassati. Di fronte a voi vedrete una guardia imboccare un corridoio verso destra. Seguite questa guardia nel corridoio, quindi svoltate a destra e fermatevi poco più avanti del vaso. Guardate la mappa: appena vedete che la guardia torna indietro, camminate verso la porta in fondo ed entrate nella stanza, dove c’è un senatore. Avanzate lentamente alle sue spalle, prendete una caraffa e tirategliela in testa. Prendete ora la sua toga.

Uscite dalla stanza e camminate lentamente verso l’uscita. E’ probabile che la guardia vi faccia una domanda; in tal caso rispondete con cortesia per non destare sospetti, quindi continuate a camminare verso l’uscita. Non fermatevi mai a meno che qualcuno non ve lo chieda esplicitamente.

Una volta fuori dal magazzino, andate dalla guardai di fronte all’ingresso principale, parlatele ed entrate.

Passate in mezzo alle due guardie lentamente e senza fermarvi, quindi passate dalla porta in fondo.

Nella prossima stanza, la guardia non vi farà passare. Prendete quindi la caraffa nell’angolo della stanza opposto a quello in cui si trova la guardia, nascondetevi dietro la statua al centro e fischiate. La guardia verrà a controllare; fate il giro intorno alla statua e colpitela alle spalle. Prendete la chiave e la moneta d’oro, quindi andate nella prossima stanza.

In questa stanza non c’è nessuno, quindi procedete con tranquillità verso la prossima.

Avvicinatevi alla porta poco più avanti e spiate per ascoltare un’interessante conversazione tra due personaggi. Proseguite oltre la prima guardia (che potrebbe chiedervi l’argomento di discussione dell’assemblea, che è l’esecuzione di Vipsanio), oltre la seconda (se entrate nella stanza che questa custodisce, scatta l’allarme) e oltre la terza (che vi chiede chi siete). Avanzate verso la porta in fondo (che è chiusa), quindi tornate indietro e, senza farvi vedere, prendete una fune nel tavolino sulla destra e nascondetevi nel vaso a destra. Aspettate che la guardia vi passi davanti, quindi strangolatela. Andate ora dalla seconda guardia (che adesso è girata di spalle) e strangolate anche questa. Entrate quindi nella stanza dietro la guardia e strangolate la guardia a sinistra, che sbadiglia spesso. Cambiate ora la fune, perché è quasi rotta. Salite sull’armadio, quindi seguite il percorso sulle travi e sui cornicioni per accedere alle spalle della guardai nella stanza successiva e poterla strangolare. Aprite ora la prossima porta per assistere all’assemblea.

Il Foro

Vipsania, madre di Agrippa, sta per essere giustiziata in pubblico, ma Agrippa interviene con la forza.

Obiettivo: eliminare le guardie romane

Niente di difficile, semplicemente accanitevi su una guardia alla volta e ed eliminatele. Qui non conta la spettacolarità ma la sostanza, quindi non perdete tempo a incitare la folla ma concentratevi sui soldati.

Dopo aver fatto fuori le guardie, interviene Decio: questi lancia una spada e uccide Vipsania, quindi vi attacca.

Obiettivo: eliminare Decio

Questo obbiettivo è impossibile da raggiungere, perché Decio è impossibile da uccidere. Resistete ai suoi colpi fino all’ingresso in scena di Claudia, che vi porta via dal Foro.

Prigione di Siracusa

Claudia vi porta alla prigione dove si trova Vipsanio. Ottaviano va per primo: si intrufolerà e, una volta in cima, chiamerà Agrippa.

Obiettivo: raggiungere il primo piano

Guardate la mappa: vedrete una guardia a destra e una sinistra. Quando sono entrambe girate di spalle andate in fondo al corridoio, salite sulla cassa e intrufolatevi nella stanza oltre il muro. Proseguite ora tra le stanze, prendete una caraffa e, avanzando lentamente, dirigetevi verso la guardia che, all’inizio, si trovava alla vostra sinistra. Aprite la porta appena questa ci passa davanti, quindi tramortitela con la caraffa. Prendete la corazza e proseguite verso il cerchio indicato nella mappa. La porta è chiusa, vi serve la chiave che ha la prima guardia nella stanza immediatamente accanto a voi. Avvicinatevi a questa e andatele addosso (sempre camminando); questa vi chiederò perché volete la chiave; voi dite che vi manda Cicerone e questi ve la darà. Accedete ora al livello superiore.

Obiettivo: raggiungere il secondo piano

Se volete raccogliere le monete, andate prima a sinistra e raccoglietele (se camminate restando vicini alla parete, nessuno vi vedrà). Se non vi interessano le monete o se le avete già prese, andate a destra, scavalcate tutte le casse, passate per una feritoia e accedete in una nuova stanza, dove però la porta è chiusa. Dovete fare il giro passando per un’altra porta che si trova poco più avanti, salire sull’armadio in fondo, passare nel condotto e arrivare quindi alla porta che era bloccata. Sbloccatela e salite le scale.

Obiettivo: raggiungere il terzo piano

Il vostro travestimento qui non funziona, quindi aspettate che la guardia vi passi davanti e andate dalla parte opposta. Aprite la porta a destra in fondo al corridoio per entrare in una cella. Uscite dalla parte opposta della cella e procedete lungo il bordo finché non raggiungete una scala (non fermatevi di fronte ai carcerati o vi daranno de pugni). Salite la scala.

Obiettivo: trovare Vipsanio

Salvate e procedete. Delle guardie vi scopriranno e vi lanceranno delle frecce dal pontile in cui si trovano. Correte a prendere la torcia e nascondetevi dietro il ponte. Dopo che una guardia vi ha lanciato una freccia, uscite allo scoperto e agitate la torcia nei pressi delle funi che reggono il ponte. Appena vedete che una guardia sta per lanciare, tornate a nascondervi. Fate attenzione perché basta una freccia a uccidervi. Quando avrete rotto tutte le funi, il ponte distruggerà il pontile con le guardie e vi permetterà di accedere alla cella vi Vipsanio.

Ottaviano farà salire Agrippa e insieme andrete da Vipsanio il quale ci racconterà come ha vissuto lui la morte di Cesare, dichiarando la sua innocenza. Arriveranno però delle guardie e sarete costretti a lasciare Vipsanio dov’è. Ora controllate Agrippa: dovete uscire dalla prigione difendendo anche Ottaviano.

Obiettivo: raggiungere il secondo piano

Fuori dalla porta troverete una guardia. Affrontatela, eliminatela, prendete la sua Gladius e proseguite. Sul ponte dovrete affrontare altre due guardie. Restate sempre tra Ottaviano e le guardie o rischierete che queste se la prendano col vostro amico. Prendete lo scudo da una delle guardie uccise e scendete le scale in fondo.

Obiettivo: raggiungere il primo piano

Prendete il corridoio verso sinistra ed eliminate la guardia a cui andate incontro. Proseguite ora dalla parte opposta ed eliminate la prossima guardia lanciandole contro la vostra spada. Riprendetevi l’arma ed eliminate la prossima guardia. Più avanti ne trovate un’altra con un arco. Cercate di restare nascosti a questa guardia il più possibile per evitare che vi lanci le frecce, quindi eliminatela e sostituite lo scudo con l’arco. Aprite la prossima porta e dovrete affrontare due guardie. Come nel livello superiore, proteggete sempre Ottaviano interponendovi tra lui e le guardie. Quando le avete eliminate entrambe, prendete la chiave e l’elmo, aprite la prossima porta e scendete le scale poco pi avanti.

Obiettivo: raggiungere il piano terra

Seguite il corridoio ed eliminate la guardia con la lancia in fondo: attiratela, fatele sferrare un colpo a vuoto, quindi colpitela. Prendete la lancia e la chiave e aprite la porta ma non proseguite, aspettate che sia la prossima guardia a venire da voi. Eliminatela facilmente con la lancia, quindi riprendetevi spada e arco e proseguite. Fermatevi a metà delle scale ed eliminate la guardia di fronte in basso con una freccia. Avanzate di qualche passo ed eliminate la guardia di fronte in alto sempre con una freccia. Scendete quasi al centro della piattaforma circolare ed eliminate con un’altra freccia la guardia rimasta (a sinistra dell’ultima che avete eliminato). Proseguite verso le scale.

Obiettivo: uscire dalla prigione

Appena accedete a questo livello c’è una guardia immediatamente alla vostra destra; eliminatela prima che vi faccia del male. Alla vostra sinistra, in fondo, c’è un’altra guardia. Eliminatela con una freccia e proseguite verso questa. Appena girato l’angolo c’è una guardia con una lancia; colpitela con una freccia, quindi finitela con la spada. Sostituite il vostro arco con quello della guardia precedentemente eliminata e proseguite. Eliminate allo stesso modo le prossime due guardie (prima con una freccia, poi con la spada) e uscite. La guardia nella stanza a sud-est della mappa potete anche ignorarla.

Fuori dalla prigione, Claudia convincerà Agrippa a partecipare ai tornei. Nel frattempo, 5 nemici vi attaccheranno.

Obiettivo: eliminare i cinque nemici

Pensate prima ai due nemici che arrivano dalla vostra sinistra. Attaccate alternativamente prima l’uno poi l’altro fino ad ucciderli. Andate ora ad aiutare Claudia, attaccando il nemico con la grande mazza chiodata. Quando anche questo è eliminato, prendete un po’ di carne da una cassa (distruggetela per trovare la carne) ed attaccate i due restanti con le armi rimaste.

Battesimo del Fuoco

Sesto, fratello di Claudia, vi insegnerà le tecniche di combattimento dei gladiatori.

—> Combattimento 1

Ci sono due nemici, facili da eliminare. Prendete un’arma da una delle casse, quindi attaccate i due nemici. Affrontateli alternativamente finchè entrambi non sono al tappeto.

—> Combattimento 2

Partite con 2 nemici; fate fare a loro la prima mossa, schivatela, quindi tagliateli a fette con fendenti orizzontali.
I prossimi due nemici sono molto piccoli; prendete la lancia da uno dei nemici morti e usatela per attaccare quelli ancora vivi. Sono difficili da colpire ma dopo un po’ che ci provate ce la farete. Inoltre, questi sono poco offensivi e vi provocheranno pressoché nessun danno.

—> Combattimento 3

C’è un solo nemico, facile facile. L’importante è che utilizziate la tattica appena insegnatavi: mandate il nemico al tappeto, rialzatelo col Quadrato, andategli dietro, premete ancora Quadrato per afferrarlo e poi premete ripetutamente X e Quadrato per scaraventarlo indietro.

—> Combattimento 4

Sesto fungerà da pubblico, quindi se lo incitate vi lancerà del cibo o delle armi. Ci sono 3 nemici, affrontateli uno per uno come sempre. Ricordatevi di essere spettacolari: se spezzate un braccio, fatelo vedere a Sesto per incitarlo. Se tutto va al meglio, dopo aver fatto fuori i primi 3 nemici, Sesto vi lancerà un grosso spadone con cui eliminare facilmente gli ultimi 2. Se non vi dà lo spadone, vi darà comunque una bella arma. Gli ultimi due saranno una passeggiata.

—> Combattimento 5

Dovete combattere con spade di legno contro Claudia; è molto agile e dovrete pararvi spesso per evitare i suoi molteplici attacchi. Attaccatela non appena avete finito di parare i suoi colpi, momento nel quale lei è più esposta. Quando la vita di Claudia sarà verso la fine, Sesto interromperà lo scontro.

Dimora di Sesto

Ora siete ufficialmente dei gladiatori e vivrete da Sesto: potete decidere di allenarvi nell’Arena sotterranea (state attenti a non morire), parlare coi vostri compagni, assistere agli allenamenti altrui in cortile o fare un salto in refettorio. Quando siete pronti, andate da Sesto (la sua stanza dà sul cortile degli allenamenti) e ditegli che siete pronti per partire.

Arena in citta’ – Ripresa I

Finalmente è il momento del vostro debutto.

Obiettivo: sopravvivere

E’ una lotta tutti contro tutti, l’importante è sopravvivere eccitando il pubblico. Raccogliete informazioni utili dai vostri compagni, quindi andate dal tipo con la mazza chiodata e ditegli che siete pronto.

Per prima cosa, accaparratevi un’arma. Andate dalle statue dall’altra parte dell’arena, distruggetene una e prendete l’arma da utilizzare. Incitate spesso il pubblico per farvi lanciare cibo, ne avrete bisogno. Attaccate i nemici premendo (anche a caso) i due tasti d’attacco (X e Quadrato) per fare combinazioni spettacolari e ottenere i 15mila punti Raffica richiesti. Prendete gli scudi dai nemici e utilizzateli quando andate ad affrontare i bestioni. Quando saranno tutti all’altro mondo, avrete completato questo livello.

Arena in citta’ – Ripresa II

Obiettivo: eliminare tutti i nemici

Siete soli contro tutti; a disturbarvi ci saranno anche degli arcieri. Prendete una Gladius per questo scontro

Per prima cosa, spostatevi sotto all’arciera di fronte a voi, in modo che questa non possa colpirvi. Attirate qui il nemico ed eliminatelo. Prendete le sue armi e salite la scala. Eliminate l’arciera con la vostra spada, quindi prendete l’arco ed eliminata l’altra arciera, dall’altra parte dell’arena. Utilizzate tutte le frecce a disposizione.

C’è un arco anche in cima al muro al centro dell’arena; salite la scala, prendete questo arco e utilizzate tutte le sue frecce contro i nemici E’ fondamentale non lasciare delle frecce, altrimenti i nemici possono usarle contro di voi. Quando le avete esaurite, scendete, incitate il pubblico (sperando che vi mandi del cibo) e dirigetevi verso le prossime scale. Salite, prendete l’ultimo arco rimasto e anche qui utilizzate tutte le frecce. Fate in fretta o tutti i nemici saliranno con voi e sarà difficile affrontarli in uno spazio ristretto.

Tornate di sotto e utilizzate le armi rimaste o quelle che il pubblico vi ha lanciato per eliminare gli ultimi nemici. Uno degli ultimi avrà un arco, quindi fate attenzione.

Arena in citta’ – Ripresa III

Obiettivo: eliminare due tigri

Prendete una scimitarra e aspettate: appena le tigri vi saltano addosso, schivatele e colpitele. Questa è l’unica tattica (oltre al lancio dell’arma) da utilizzare. Le tigri non sono poi tanto difficili da eliminare, basta stare solo attenti ai loro attacchi e colpirle nel momento in cui sono più esposte. Ricordatevi, come sempre, di incitare il pubblico appena potete.

Casa di Pansa

Si torna da Ottaviano. Pansa riflette sulle ultime parole di Cesare e capisce che si riferiscono a Marco Bruto, protetto di Cicerone. Dovete seguire Cicerone per capirne di più su questa storia.

Parlate se volete con la gente del posto per sapere un po’ cosa succede oggi, quindi andate al Foro.

Il Foro

Delle persone stanno protestando: vogliono i 300 sesterzi che Cesare aveva promesso loro. Se parlate con la persona vicino all’ingresso, questa vi dirà di incitare quelle persone a ribellarsi. Salite quindi sulla piattaforma a sinistra rispetto alle persone al centro e parlate alla gente, invitandoli ad andare in Senato a ribellarsi. Quando questi decidono di andare in Senato, andate a parlare coi senatori al centro: uno di questi vi darà una moneta per ringraziarvi. Andate al Senato.

Il Senato

La folla in Senato sta distraendo la guardia all’ingresso secondario; approfittatene per entrarci.

Obiettivo: seguire Cicerone

Seguite Cicerone avanzato lentamente; appena raggiungete la siepe di fronte, infilatevi nel piccolo labirinto della siepe e avanzate stando sempre abbassati per potere raggiungere Cicerone senza essere visti.

Assisterete ad un dialogo tra Cicerone e un altro senatore. Dopo questa dialogo, il senatore se ne andrà. Entrate nel Senato camminando lentamente.

Una volta dentro, Cicerone incontrerà dei senatori che gli faranno i complimenti per un suo trattato, quindi se andranno. Andate dietro a Cicerone con passo lento.

Nella prossima zona prendete il corridoio verso sinistra e, aspettando che la guardia vi dia le spalle, infilatevi nella stanza sulla sinistra, aprite l’armadio, prendete la toga, uscite e tornate dove eravate. Prendete ora il corridoio in direzione opposta; vedrete Cicerone entrare dalla porta custodita da una guarda; andate anche voi in quella direzione ma infilatevi nella prima stanza sulla sinistra. Infilatevi nel condotto in fondo alla stanza e avvicinatevi a Cicerone per ascoltare il dialogo tra lui ed un altro senatore.
Quando anche questa dialogo è terminato, tornate indietro nella sala ovest del Senato (quelli in cui siete arrivati dal giardino).

Dovete andare nella stanza nell’angolo nord-est della mappa, quella con due oggetti all’interno. Aspettate di vedere la guardia che cammina verso sud (Cicerone deve essere già andato via), quindi infilatevi nella stanza, prendete una caraffa e attendete nell’angolo sud-est della stanza che la guardia torni. Appena questa arriva in fondo e si gira, andatele dietro e tramortitela con la caraffa. Non vi resta che entrare nella stanza in cui era entrato Cicerone (quella in fondo al corridoio); passate con calma e disinvoltura di fronte alla stanza con i soldati.

Una volta nella sala di Pompeo, avvicinatevi a Cicerone per assistere alla sequenza filmata.

Arena in citta’ – Ripresa IV

Si torna da Agrippa; siamo sempre nell’arena, vi aspettano altri 3 combattimenti.

Obiettivo: distruggere le 3 statue avversarie

Questo è un gioco a squadre e l’obiettivo non è uccidere tutti gli avversari: ogni squadra ha 3 statue, dovete distruggere le 3 dei nemici prima che siano loro a farlo o prima che scadano i 5 minuti.

Partite prendendo una mazza. Parlate coi vostri compagni, in modo che questi vi seguano. Salite le scale sul muro dietro i vostri compagni, scendete la scala dall’altra parte del muro e avvicinatevi alla statua con la bandiera rossa. Uno dei vostri compagni andrà ad azionare la leva per abbassare la protezione della statua, voi distruggete quindi questa statua. I nemici probabilmente vi attaccheranno, quindi per prima cosa difendetevi; attaccate la statua quando i nemici sono per terra.

Quando la vostra arma si disintegra, chiedetene una al pubblico incitandolo o fregatene una ai nemici.

Procedete allo stesso modo con le prossime due statue. Non curatevi del fatto che i nemici stanno attaccando le vostre statue: l’importante è distruggere le loro prima che loro distruggano le vostre.

Quando tutte le statue saranno distrutte, avrete vinto il gioco.

Arena in citta’ – Ripresa V

Obiettivo: uccidere il boss

Dovrete avanzare nell’arena, uccidere tutti i nemici e arrivare al boss finale (che è quasi sicuramente una donna).

Partite con un arco. Per prima cosa, riparatevi dietro il blocco sulla vostra destra e lasciate lì l’arco. Procedendo a mani nude, correte verso il nemico più piccolo, quello che la spada e affrontatelo. Cercate di sottrargli la spada, inoltre restate sempre vicino al muro, per evitare le frecce dell’arciera di sopra. Quando l’avete eliminato, attaccate il bestione. Utilizzate le rocce o la spada del nemico appena ucciso. Attaccatelo volendo anche a mani nude, l’importante è non farsi colpire da lui. Quando l’avete eliminato, prendete una roccia, caricate la catapulta e distruggete il cancello. Tornate ora a prendere l’arco ed eliminate l’arciera. Utilizzate tutte le frecce che avete.

Incitate un po’ il pubblico: in questo momento, se avete fatto un po’ di belle mosse, vi potrebbe arrivare già una bella ascia o comunque qualcosa di grande. Utilizzate quest’arma per eliminare i prossimi nemici oltre il cancello. State attenti ai nemici con le lance: per farli fuori lasciate momentaneamente la vostra arma, prendete una spada (o comunque qualcosa di leggero) e lanciategliela contro, quindi attaccatelo subito con l’arma di prima. Quando li avete fatti fuori tutti, dovreste notar una chiave. Prendetela, aprite il cancello e proseguite. Dovreste trovare un pezzo di carne; incitate il pubblico per farvi mandare altro cibo.

Salite le scale, procedete dall’altra parte e scendete le scale. Il prossimo nemico potrebbe lanciarvi una lancia; schivatela e usatela contro di lui. Dopo aver fatto fuori anche questo, vi aspetta il boss, in cima alla scala. Tornate indietro, prendete l’arco dell’arciera che avete eliminato all’inizio e lanciate le frecce al boss. Dopo averle usate tutte, tornate giù, riprendete la lancia e usatela contro il boss. Generalmente il boss è una donna e in quanto tale è molto agile e difficile da colpire. La lancia è l’arma migliore, ma sfruttate le tante spade in cima all’ultima scala per lanciargliele contro. Ricordatevi sempre di incitare il pubblico per ottenere del cibo, ma state attenti a non farvi colpire mentre mangiate. Parate sempre i suoi colpi, o vi ritroverete facilmente con la vita agli sgoccioli. Attaccatela subito dopo aver parato un suo colpo o dopo che lei vi ha mancato.

Arena in citta’ – Ripresa finale

Obiettivo: uccidere il nemico

E’ una lotta uno contro uno e il vostro nemico si dice sia un bestione; nessuno è riuscito a sconfiggerlo. E indovinate chi è? Barca, il capo della tribù germanica che avete catturato in territorio nemico.

Barca è molto resistente e non lo sconfiggerete con poco. La battaglia non è comunque difficile: dovete solo stare attenti ai suoi attacchi e contrattaccarlo al momento giusto.

In fase difensiva, dovete evitare le rocce che lui tira. Non è difficile, basta solo stare attenti e spostarsi. Cercate di nascondervi dietro le statue che compaiono nell’Arena: le rocce potrebbero colpire la statua distruggendola e regalandovi una nuova arma. Allo stesso modo, evitate le cariche di Barca (nascondetevi sempre dietro le statue). Un altro modo per distruggere le statue (oltre ai vostri pugni e colpi di spada, di cui però ce ne vogliono parecchi) è farvi attaccare da Barca in prossimità di queste (vi avvicinate e, appena vedete che lui carica l’arma, vi spostate) in modo che distrugga le statue lui stesso.

Ricordatevi di incitare sempre il pubblico, che oltre al cibo vi da armi utilissime contro Barca.

Nella fase offensiva, evitate di lanciargli le rocce, in quanto lui le prenderà al volo e ve le tirerà contro. Usate le rocce solo per distruggere le statue. Un’altra tattica da usare contro Barca è farsi attaccare, schivare il colpo e attaccarlo subito dopo. Quando l’arma è quasi distrutta, lanciategliela contro. Anche quando avete la vita agli sgoccioli e non volete rischiare di avvicinarvi, il lancio delle armi è la tattica migliore.

Quando avrete quasi ucciso Barca, partirà una scena filmata.

La Taverna

Ottaviano sa che Marco andrà nella taverna, quindi ci va anche lui. Nei suoi panni, dovete entrare nella taverna riservata ai senatori.

Obiettivo: infiltrarsi nella taverna

Parlate (se volete) con la gente del posto per informarvi un po’, quindi passate all’azione. All’inizio avete visto come funzionano le bucce di banane, no? Prendetene una e andate verso l’ingresso secondario della taverna, custodito da delle api che non vi fanno passare. Ogni tanto arriva il padrone delle api ma si fa beccare e scappa. Mettetegli vicino la buccia di banana e aspettate di vederlo fare uno scivolone. Le api si sposteranno sul miele caduto per terra e voi potrete entrare.

Obiettivo: raggiungere Marco senza farsi vedere

E’ fondamentale che nessuno qui dentro vi veda; se venite scoperto, ri-iniziate automaticamente dal momento in cui siete entrati nella taverna.

Avanzate stando abbassati verso il tavolino in cui ci sono tre senatori, ascoltate cosa dicono, quindi fate il giro intorno al tavolino in senso anti-orario. Controllate che la cameriera sia girate da un’altra parte e infilatevi nel corridoio a sud che vi porta nel magazzino del bar. Una volta dentro al magazzino, andate nell’angolo sud-ovest per trovare un ratto. Tornate fuori dal magazzino e, stando sempre attenti alla cameriera, lanciate il ratto (con la visuale soggettiva) vicino al senatore seduto da solo. Quando la cameriera lo vedrà, scapperà urlando e distraendo eric prydz call on me un po’ i clienti. Stando sempre abbassati, avanzate verso il senatore seduto da solo e girategli intorno raggiungendo il punto segnalato sulla mappa.

Assisterete ad una scena dove Marco e Cassio discutono animatamente.

Dimora di Sesto

Si torna da Agrippa. Parlate un po’ con la gente per ricevere eventuali consigli per i prossimi combattimenti, quindi andate da Sesto a dirgli che si può partire.

Arena del Nord – Ripresa I

Ovviamente adesso le cose iniziano a farsi più difficili. Dove liberare un ostaggio e portarlo in salvo.

Obiettivo: liberare l’ostaggio

Sul campo ci sono 5 nemici. Nella prima zona troviamo tante lame rotanti e un nemico basso, che non ha problemi a correre sotto le lame. Cercate di raggiungere la zona vicino alla porta (dove le lame arrivano con difficoltà) senza stare abbassati, perché altrimenti il nemici vi attacca e, oltre a lui, ci sono le lame che vi fanno male (non potete infatti attaccare stando abbassati). Studiate un attimo i movimenti delle lame, correte dall’altra parte e affrontate il nemico. Non corretegli dietro tra le lame, ma aspettatelo e affrontatelo dove potete muovervi liberamente. Dopo averlo ucciso, passate alla zona successiva.

C’è un nemico di fronte a voi. L’unico problema è che di sopra c’è uno che lancia dei sassi con la fionda. Attaccate il vostro nemico stando sempre in movimento per evitare i sassi lanciativi. Dopo averlo eliminato proseguite nella prossima zona dove troverete due nemici, di cui uno con una mazza chiodata. Solita tattica: vi avvicinate, loro fanno il primo colpo, quindi ne affrontate prima uno e poi l’altro, alternativamente. Prestate magari più attenzione a quello con la mazza chiodata, dato che i suoi colpi fanno un po’ più male degli altri.

Dopo aver finito anche questi due, salite le scale e affrontate gli ultimi due, niente di speciale. Se avete ancora la mazza chiodata del nemico di prima, non troverete alcuna difficoltà. Prima di aprire la cella dell’ostaggio, però, tornate di sotto e andate a mangiarvi la carne nascosta in un angolo sotto la cella. Tornate su, liberate l’ostaggio e scendete.

Obiettivo: portare in salvo l’ostaggio

Non è finita: il cancello si chiude e dovete affrontare quattro nemici, di cui uno è un bel bestione. Qui è difficile dire chi attaccare prima e chi dopo. Se avete ancora la mazza potete usarla per un bell’effetto domino, ma probabilmente si è già rotta e dovete ripiegare su una semplice mazza. State vicini all’ostaggio e attaccate sempre chi lo sta colpendo. Ogni tanto allontanatevi per non far ammassare tutti i nemici attorno a voi, quindi affrontateli di nuovo. In questo pezzo evitate di incitare il pubblico: mentre esultate siete facili bersagli e le armi che vi lanciano possono essere anche utilizzate dal nemico con effetti poco piacevoli.

Quando anche questa è andata, dirigetevi verso la zona finale quella con le lame. Anche qui entrano in scena 3-4 nemici, ma di quelli bassi. Spostatevi nella zona dove le lame non arrivano (quella alla vostra destra appena dopo la porta), quindi affrontate i nemici. Questi nemici non provocano enormi danni, quindi concentratevi su uno di loro, uccidetelo (lasciando magari anche in disparte l’ostaggio), quindi tornate agli altri. Non utilizzate questa tattica nel caso l’ostaggio abbia la vita agli sgoccioli; in questo caso stategli sempre vicino e respingete sempre gli attacchi dei mostriciattoli. Sarà lunga, ma ce la farete anche così.

Quando avete eliminato anche questi, studiate come all’inizio il percorso delle lame e correte verso il traguardo.

Arena del Nord – Ripresa II

Questa è tosta.

Obiettivo: eliminare tutti i nemici in ogni stanza

Ci sono 3 stanze: quella in cui partite e altre due; quando entrate in una di quelle due potete uscirne solo quando avrete eliminato tutti i nemici all’interno.

Partite con una lancia e mettetela da parte, in un angolo. Di fronte a voi c’è un nemico; corretegli incontro, rubategli la spada (la tecnica che vi ha insegnato Sesto) e attaccatelo, stando attenti che questo non vada a prendere la lancia. Avvicinatevi verso i prossimi due avversari e fate venire il piccoletto verso di voi. Attaccatelo con la spada e tenete sempre un occhio alla lancia. Stessa cosa per il bestione. Affrontandoli uno per volta non avrete alcuna difficoltà. Fate dei gran supplex (la catapulta umana) per guadagnare sostegno dal pubblico; con molta probabilità, quando li avrete eliminati tutti, vi daranno una lancia. Se vi danno altre armi, mettetele da parte. Ad ogni modo, voi dovete entrare nella prima stanza (quella più vicina a voi all’inizio dello spettacolo) con una lancia.

Una volta dentro, ignorate la carne in fondo (è una semi-trappola, perché se la prendete subito sarete immediatamente circondati), correte un po’ verso sinistra e quindi verso destra. I nemici adesso dovrebbero essere tutti insieme. Mettetevi a correre attorno ai nemici, passando sempre vicino ai muri della stanza. Appena volete, sferrate un attacco verso il mucchio; non fate un attacco a 4 colpi, ma solo a 2 o 3 colpi, altrimenti rimanete troppo scoperti. Appena terminato un attacco, continuate a girare in tondo a riattaccate. Fate così finché la lancia quasi non si spezza. A quel punto, approfittatene per lanciarla contro qualche nemico grosso. A questo punto la maggior parte dei nemici sarà mezza morta. Andate subito a prendere il pezzo di carne (o andatevelo a riprendere da qualcuno) e mangiatelo velocemente. Al momento, se avete seguito tutto passo per passo, siete senza armi. Se ce n’è una per terra, prendetela, altrimenti rubatela ad un nemico. Continuate a girare in tondo ma questa volta non attaccate il mucchio ma i singoli nemici (attaccate quello più vicino a voi o quello più separato dal gruppo dei nemici). Quando l’arma si sta per spezzare, lanciatela ai nemici che sono fisicamente messi meglio, poi ricominciate passando alla ricerca di un’arma come prima. Cercate di terminare gli ultimi nemici con mosse spettacolari per farvi mandare cibo o armi dal pubblico.

E’ ora di passare all’altra stanza. Se il pubblico vi ha dato qualcosa di più potente di una lancia (come un grande spadone), prendete quell’arma e portatela nella seconda stanza; in caso contrario, prendete la lancia che avevate messo in disparte prima e portate quella con voi.

Nella seconda stanza, utilizzate la stessa identica tattica della prima stanza. L’unica cosa da aggiungere sono i due fossi: da soli non ci potete cade, ma se un nemico vi dà un colpo molto forte può farcivi cadere, quindi occhio a non farvi colpire con le spalle rivolte ai fossi.

Nota 1: in entrambe le stanze, cercate di rubare ai nemici le mazze rotanti, quindi avvicinatevi leggermente a loro e premete ripetutamente la X per ottenere effetti devastanti. Purtroppo durerà poco, ma se ben utilizzata vi aiuterà un mucchio.

Nota 2: attirare l’attenzione del pubblico può essere pericoloso: se vi lanciano un’arma potente, al 90% la prenderanno i nemici e la useranno contro di voi e riceverete l’effetto contrario di quello che vi aspettavate. Richiamate l’attenzione del pubblico solo da quando tutti i nemici sono stanchi e non corrono.

Arena del Nord – Ripresa III

Questa è una battaglia tutti contro tutti e non avrete molte difficoltà a superarla.

Obiettivo: sopravvivere

Partite con la Gladius e una torcia. La prima cosa da fare è sperimentare la tecnica appena insegnatavi, quindi andate a prendere un barile e tiratelo contro un nemico; se nel barile c’era dell’olio, colpite il nemico con la torcia, altrimenti andate a prendere un altro barile e ripetete.

Le occasioni di dar spettacolo non mancano. Già il bruciare un nemico può bastare per farvi mandare dal pubblico una bella arma. Se siete riusciti a finire il combattimento precedente (e lo dovete aver finito per forza…) questo vi sembrerà una passeggiata. Date sfoggio di tutte le vostre abilità e fate divertire il pubblico con tutte le Raffiche che conoscete.

Insula

Di nuovo da Ottaviano. Siete fuori dalla taverna, dirigetevi verso la fine del vicolo (parlate con due senatori che vi metteranno in guardia) e arriverete nell’Insula, popolata da 5 malviventi. La tattica per metterli tutti ko è facilissima: prendete una buccia di banana, gliela tirate vicino, vi nascondete e aspettate che questo scivoli e svenga.

Ma partiamo dall’inizio. Con passo lento dirigetevi in fondo al vicolo (passando alla sinistra della guardia) e prendete una buccia di banana; ora, con la visuale soggettiva, lanciate la banana vicino al primo bandito e nascondetevi in una cassa (ci sono molte casse nel gioco in cui potete nascondervi) o dietro un muro. Appena vedete che il bandito casca, andategli a fregare l’abito, riprendetevi la banana e proseguite verso il secondo bandito. Questa volta lanciate la banana stando vicini alla cassa sulla vostra destra poco prima dl secondo bandito, quindi nascondetevi in questa suddetta cassa. Quando questo scivola, prendete la banana e proseguite. Passando al terzo bandito, dovete aspettare che questo si allontani da voi, quindi piazzate la banana sul suo percorso (senza lanciarla) e nascondetevi dietro al muro da cui siete appena sgusciati fuori o in una cassa lì vicino. Quando anche questo scivola, andate a rubargli la maschera e nascondete il corpo dietro il muro. Di nuovo, riprendete la banana, piazzatela poco prima dell’angolo del vicolo, fate un bel fischio e tornate a nascondervi. Anche questo bandito scivolerà e potrete dirigervi verso l’ultimo senza niente in mano e con passo lento. Parlate con questo, rispondetegli che va tutto bene e lui vi farà passare. Fate però attenzione: dopo che siete passati, lui vi urlerà di fermarvi; voi fermatevi e giratevi verso di lui. Vi dirà semplicemente di stare attenti…Proseguite fino in fondo al vicolo.

Arena del Nord – Ripresa IV

Vi aspetta un’altra battaglia a squadre, solo che stavolta ci sono 4 statue da distruggere.

Obiettivo: distruggere le 4 statue avversarie

Partite con Gladius e daga; ordinate al compagno grosso di seguirvi e salite le
scale in fondo. Andate verso la statua in fondo, dritto per dritto. Mentre il vostro compagno vi raggiunge, respingete i nemici che tentano di salire le scale. Una volta arrivato, attaccate la statua con 3 colpi di daga e 2 colpi di Gladius alternativamente finché non si rompe. Se un nemico vi dà fastidio, fatelo finire per terra e tornate alla statua. Quando la prima è distrutta, procedete verso quella nell’angolo opposto. Ignorate i nemici che incontrate a meno che non siano loro stessi ad attaccarvi. Dopo aver distrutto anche questa statua, procedete verso quella al centro. Ogni qualvolta avete bisogno di un’arma, chiedetela al pubblico o rubatela ad un nemico. L’ultima statua si trova giù dalle scale da cui erano saliti i nemici. Qui troverete un nemico grosso come guardia. Mettetevi dietro alla statua in modo che, quando lui vuole colpirvi, vi dà invece una mano a distruggerla.

Non fermatevi ad uccidere nemici ma stendeteli e proseguite per la vostra strada. Se uno di loro però vi disturba continuamente, allora attaccatelo fino a ucciderlo ma siate lesti o perderete tempo prezioso.

Non attaccate la statua solo con l’arma principale ma anche con quella secondaria, in modo da ottenere attacchi lesti e continui.

Arena del Nord – Ripresa V

Questa è una gara: dovete uccidere più nemici rispetto al vostro avversario e dovete oltrepassare un limite di punti Raffica per aggiudicarvi l’incontro.

Obiettivi: eliminare più nemici rispetto all’avversario; ottenere almeno 20mila punti raffica

Nel campo ci sono delle presse: se colpite i gong negli angoli, verrà giù un enorme masso che schiaccerà chiunque ci sia sotto.

Quest’incontro non è difficile, dato che la vostra avversaria agisce principalmente con un arco. Sbizzarritevi con le Raffiche che preferite e date spettacolo. State attenti a non mettervi tra l’avversaria e i nemici che lei sta attaccando o verrete colpiti dalle sue frecce.

Non perdete tempo ad attaccare la vostra avversaria, tanto non potrete ucciderla o indebolirla. Attaccate piuttosto i nemici che lei stessa sta attaccando: questi saranno molto indeboliti e potrete eliminarli con facilità prima dell’avversaria.

Attirate i nemici sotto le presse e attivatele: risparmierete tempo e fatica e otterrete molti punti Raffica.

Arena del Nord – Ripresa VI

Parte 1

Obiettivo: sopravvivere

Ci sono 4 catapulte ma non utilizzatele, vi serviranno poi. Ci sono tre nemici, facili facili da eliminare dato che è un tutti contro tutti. Cercate di mantenere più vita possibile, dato che dopo ve ne servirà parecchia.

Parte 2

Indovinate chi c’è a vedervi? Decio, quello che uccise vostra madre. Riconoscendovi, vi manda contro uno dei suoi combattenti migliori.

Obiettivo: eliminare il boss

Qui viene il bello; dovete affrontare una donna tanto agile quanto cattiva. Vi darò una serie di consigli e di tattiche da utilizzare, perché dirvi tutto passo passo sarebbe troppo difficile. Per fortuna che c’è Claudia che vi aiuta.

Innanzitutto non preoccupatevi di Claudia, è immortale.

Utilizzate le catapulte: caricate il masso e mirate verso la donna. Lanciate il masso appena la donna si ferma su una colonna. Mirate in un punto intermedio tra lei e la colonna, così se almeno non colpite lei colpite la colonna. Se il boss vi lancia le frecce quando state caricando la catapulta, lasciate stare e correte via; ci ritornerete quando non siete sotto attacco.

Correte sempre. Se restate fermi diventate facili bersagli per le frecce infuocate o per le aquile.

Attaccate il boss lanciandole la vostra spada non appena lei si ferma su una colonna. E’ probabile che la manchiate, ma sul terreno ci sono tante spade e comunque il pubblico ve ne fornirà sempre qualcuna.

Un altro momento favorevole per attaccare la donna è colpirla mentre è impegnata con Claudia: attaccatela rapidamente, quindi scappate o ne subirete la vendetta.

Sul campo ci sono diversi scudi; portatene sempre uno con voi, vi sarà utilissimo in difesa dalle frecce.

State attenti alle aquile, specialmente a quelle che trasportano barili; attaccate quelle disarmate quando vi sono sopra e scappate da quelle armate.

Incitate spesso il pubblico per farvi lanciare spade nuove o del cibo. Quando dovete mangiare, spostatevi agli angoli dell’arena per non essere troppo esposti.

La battaglia sarà lunga ma alla fine non troppo difficile. Non buttatevi mai allo scoperto ma agite con prudenza e senza mai perdere la calma.

Dimora di Sesto

Sesto si preoccupa per Claudia e vi dice di darla un ciondola portafortuna. Parlate con la gente che incontrate, quindi andate a parlare con Claudia (si trova nel giardino degli addestramenti).

L’ira degli Dei

Ottaviano vuole indagare sulla morte di Cassio e vuole interrogare Mecenate.

—> Casa di Pansa

Interrogate i passanti per ricevere le solite informazioni, quindi andate al Foro.

—> Il Foro

Interrogando anche qui i presenti, scoprirete che Mecenate ha appena finito il suo discorso ed è andato a casa di Antonio. Prima di recarvi là, parlate con la guardia all’ingresso del Foro: neanche lui crede che sia stato Vispanio ad uccidere Cesare ed è pronto a darvi informazioni utili appena le scopre. Andate a casa di Antonio.

—> Casa di Antonio

Qui troviamo: una venditore a cui gli affari vanno male e che vi offre le sue mele; un tipo che mangia una mela; una guardia distratta. Ebbene, collegando queste cose ne salta fuori una bella pensata: prendete una mela e tiratela alla guardai distratta; questa indovinate con chi se la prenderà? Con quello che mangia la mela…Entrate pure nella dimora di Antonio.

Una volta dentro, raggiungete tranquillamente la porta secondaria alla vostra sinistra.

Dentro all’edificio dovete superare due guardie. Salite sull’armadio, salite poi sulla trave e abbassatevi; proseguite lungo la trave fino a raggiungere un buco tra le assi, quindi salite sulle assi di legno a destra e appoggiatevi al muro. Camminando sul bordo, superate i buchi tra le assi e scendete in un altro buco; arriverete dietro l’armadio, proprio accanto alla porta. Uscite all’esterno, salite la scala, salite sulle casse e procedete verso la prossima porta.

Andate a salvare nella stanza sulla destra. I dardi potete prenderli come no, possono essere utilizzati solo per fare rumore ma non possono uccidere nessuno. Aspettate che la guardia più vicina a voi inizi ad andare verso ovest, quindi seguitela e fermatevi alla sua destra; la guardia si girerà dalla parte opposta e non vi vedrà. Adesso seguite la seconda guardia che ha appena iniziato il percorso verso nord e infilatevi nella prima stanza sulla destra. Se quest’ultima guardia, invece di andare verso nord sta venendo verso sud, uscite pure allo scoperto, evitatela in corsa e infilatevi sempre nella stanza sulla destra.

Una volta dentro questa stanza (che è il bagno) seguita la donna di fronte a voi fino a quando questa non gira a destra, dietro la piscina. Voi restate dietro, aspettate che l’altra donna vada verso le guardie (controllate sulla mappa) quindi infilatevi nella stanza in fondo, dove c’è un senatore. Prendete la caraffa e tramortitelo, quindi prendetegli la toga e uscite con tranquillità dal bagno.

Nel corridoio incrocerete una guardia che vi chiederà se andate verso il bagno. Voi dite di si e questi non si insospettirà. Andate verso la porta in fondo e la guardia vi farà passare, quindi aprite la porta.

Nel giardino esterno, raggiungete la porta segnata sulla mappa senza alcun problema, basta non correre.

Nella prossima stanza, salite le scale e partirà una scena filmata.

—> Dimora di Sesto

Come avrete intuito dalla scena precedente, Mecenate, su richiesta di Antonio, ha ordinato a Sesto di partecipare ad una gara tra bighe che vedrà Agrippa protagonista. Di nuovo nei panni di Agrippa, allora, andate in cerca di informazioni utili per la gara tra la gente nella dimora. Quella che vi darà più consigli è quella che va sempre avanti e indietro nel corridoio dell’Arena sotterranea.

Quando siete pronti, andate da Sesto e ditegli di partire.

—> Circo Massimo, Corsa I

Obiettivo: arrivare primi

La corsa tra bighe è più facile di quanto pensiate. E divertente. Vi pertanto alcuni consigli (che metterò anche in “Consigli generali”) che valgono per tutte le gare con le bighe.

Quando partite, accelerate molto per raggiungere velocemente gli avversari.

Evitate il più possibile il contatto con le altre bighe: siete più scoperti e la vostra biga si danneggia, facendone diminuire la velocità.

Quando avete l’ascia piccola, non cercate a tutti i costi la battaglia; aspettate di arrivare al traguardo e cercate a tutti i costi di prendere l’arma dallo schiavo. Tridente o frusta che riceviate, potrete attaccare gli avversari stando a debita distanza.

Vi capiterà di essere attaccati da entrambi i lati; in questi casi, o accelerate o frenate bruscamente per levarvi i nemici di torno (a meno che non sia l’ultimo giro, perché in quel caso poi fareste fatica a recuperare): queste situazioni sono molte pericolose o possono danneggiare seriamente sia voi che la biga.

Non abbiate paura di prendere le curve troppo veloci perché non ci si può ribaltare.

Non affaticate il cavallo per cercare di distaccare i nemici: menomale questi vi recupereranno e vi potranno attaccare o superare comunque. Risparmiate le energie per il rettilineo finale, dove potete chiedere il massimo al vostro cavallo.

—> Circo Massimo, Corsa II

Obiettivo: arrivare primi

Questa gara cambia dalla precedente solo per il fatto che ci sono delle strettoie. L’unico coniglio da aggiungere a quelli della prima corsa è di stare attenti a non andare contro le strettoie. Non è difficile, dopo il primo giro vi sarete già abituati a spostarvi da un lato all’altro della corsia.

—> Casa di Antonio

Di nuovo da Ottaviano.

Obiettivo: trovare Mecenate

Nella stanza alla vostra destra ci sono una guardia e una cameriera. Aspettate che la cameriera si allontani, quindi entrate silenziosamente nel magazzino dal retro, prendete una caraffa e stordite la guardia, quindi prendetene il corpo e nascondetelo dietro il magazzino, in modo che la cameriera non lo veda. Prendete ora un’altra caraffa, nascondetevi e aspettate che torni la cameriera; quando questa fa poi per allontanarsi, seguitela e tramortitela. Prendete ora il vestito da cameriera, prendete una caraffa col vino e andate a sud. Passate di fronte alle guardie (che vi guarderanno stranamente, ma ignoratele) e dirigetevi nella stanza in fondo. Una volta dentro, stordite la guardia con la vostra caraffa di vino e prendete la bandana per completare il travestimento. Prendete infine un’altra caraffa di vino (che si trova nella stanza in cui siete) e tornate dalle due guardie che ora vi faranno passare.

In una scena d’intermezzo, vedrete Antonio parlare con Decio riguardo Agrippa.

Si torna in azione, dato che avete appena individuato Mecenate al termine della scena d’intermezzo. Per tutto il periodo che segue, muovetevi sempre silenziosamente. Seguite sempre i passi di Mecenate finché nei corridoio non compare un PNG; quando compare qualcuno, nascondetevi dietro qualsiasi cosa (una porta, un angolo, un muro), aspettate che questo se ne sia andato, quindi tornate a seguire Mecenate. Ad un certo punto, una donna si fermerà a parlare con Mecenate.

Nascondetevi nella stanza alla vostra destra, aspettate che la cameriera passi oltre, quindi tornate sulla scia del vostro obiettivo. Più avanti, Mecenate parlerà con una guardia; appiattitevi dietro un muro, aspettate che questa passi oltre, quindi proseguite. Fate la stessa cosa per il senatore che compare nel corridoio poco dopo. Entrate infine nella stanza in cui è entrato Mecenate.

Dopo averlo visto parlare con un senatore,Mecenate se ne andrà. Andate a prendere la toga nell’angolo sud-est della stanza, uscite e tornate sulle tracce dell’obiettivo. Incrocerete una guardia che vi chiederà cosa ci fate qui; dite che vi siete persi e ve la caverete. Fate per andarvene, ma con la telecamera seguite la guardia; appena questa si dirige verso nord, tornate sui vostri passi e nascondetevi dietro il muro per evitare che Mecenate, girandovi, vi veda. Quando lui poi entra nella prossima stanza, seguitelo entrandoci anche voi.

—> Circo Massimo, Corsa III

Rieccoci al Circo Massimo con Agrippa.

Obiettivo: arrivare primi

Anche in questa gara, i consigli sono gli stessi delle gare precedenti: le uniche differenze sono una strettoia in più e due avversari in più. Ricordate di evitare il più possibile di scontrarvi con le altre bighe, di non attaccare i nemici troppo da vicino e di non farvi accerchiare (specialmente in questa gara).

—> Circo Massimo, Corsa finale

Obiettivo: sconfiggere Narcalese

Ricordate la discussione tra Antonio e Decio? Ebbene, sono stati presi provvedimenti e vi scontrerete con un altro dei Valcross. La corsa non è comunque difficile, anche se sembra essere tutto a favore del vostro nemico.

I consigli sono sempre gli stessi. State comunque più attenti ad avvicinarvi il meno possibile per evitarvi di farvi colpire troppe volte dalla frusta di Narcalese; non dovete proprio avvicinarvi quando avete l’ascia piccola, perché sareste solo un bersaglio. Prendete il tridente o la frusta dallo schiavo al traguardo, quindi potrete avvicinarvi per tentare un attacco.

Ancora più delle altre corse, evitate di scontrarvi con le ruote della biga di Narcalese, dato che questo sono dotate di denti che sporgono verso l’esterno e che provocano seri danni al vostro mezzo.

Dovete sconfiggere il nemico prima del termine dei 5 giri.

—> Dimora di Sesto

C’è una scena filmata. Dopo questa, si passerà ad Ottaviano.

—> Casa di Pansa

Ottaviano dice che Marco Bruto è scomparso e che andrà alla ricerca di Cicerone.

Obiettivo: infiltrarsi nel Senato

Parlate come al solito con tutte le persone, quindi andate al Foro.

—> Il Foro

Parlate anche qui con la gente, ma ricordatevi di andare assolutamente dalla guardia accanto all’entrata. Questa vi dirà che ci vorrebbe un infiltrato e voi rispondetegli che parlerete con Pansa e in particolare con il suo allievo (che siete voi). Lui vi dirà di andare dalla guardia all’ingresso secondario del Senato e dirgli che vi manda Mario.

—> Il Senato

Andate dalla guardia all’ingresso secondario e ditegli che vi manda Mario; questa vi farà entrare.

Nel giardino interno vedrete davanti a voi una guardia che gira in tondo e un’altra che fa avanti e indietro poco più a nord. Quando quest’ultima inizia il suo percorso verso nord e quell’altra va verso est, infilatevi nella siepe e andate fino in fondo a nord. Aspettate che la guardia vada verso sud, quindi uscite e nascondetevi dietro un albero sulla sinistra della sentiero. Aspettate che la guardia di fronte al portone guardi verso est, quindi spostatevi dietro l’albero a ovest da voi. Aspettate che la stessa guardia guardi ancora una volta a est e avanzate verso le casse, mettendovi a nord di queste. Se state abbassati siete nascosti ad entrambe le guardie grazie alle casse e all’albero lì vicino. Raccogliete il sasso vicino a voi, quindi, appena la guardai vicino a voi guarda verso est e l’altra guardia sta andando verso sud (deve essere circa a metà), lanciate un sasso verso l’ingresso per il Senato: la guardia al portone andrà a controllare e voi potrete passare.

La prossima zona può sembrare difficile da superare, ma invece è tutto molto semplice. Infilatevi nel recinto al centro del giardino, dove ci sono le anatre. Restate abbassati per non farvi vedere dalle guardie. Se vi avvicinate alle anatre, queste si spaventeranno e usciranno dal recinto, distraendo le guardie tra cui anche quella di fronte alla porta che vi interessa. Quando le guardie saranno sufficientemente lontane, fate una bella corsa (anche se vi scoprono non fa niente) ed entrate nel Senato.

—> Dimora di Sesto

La nuova tappa per Sesto e Agrippa è l’Africa; andrete a Cartagine, dove il caldo è insopportabile. Parlate con i compagni per ricevere come solito delle informazioni, quindi andate a dire a Sesto di partire.

—> Arena nel deserto, Ripresa I

Questa è una lotta contro tutti.

Obiettivo: sopravvivere

Ci sono 3 nuove trappole da poter sfruttare: sono composte da dei buchi larghi in fondo ai quali c’è una grata; se premete i pulsanti vicino ai buchi, farete uscire delle fiamme dalle grate. Sfruttate questa trappola per ottenere tanti bonus Raffica.

Questa, più di una lotta contro tutti, è la solita lotta contro tutti. Le tecniche sono sempre quelle: non attaccare i nemici tutti insieme, concentrarsi su uno alla volta, fare tutte le mosse che si conoscono per ottenere armi e cibo dal pubblico. Non abbiate fretta di concludere il match, ma impegnatevi al meglio per dare spettacolo.

—> Arena nel deserto, Ripresa II

Avete 5 minuti per eliminare le 3 tigri e l’uomo presenti nell’arena.

Obiettivo: eliminare tutti i nemici

Ci sono delle barriere di legno tutto attorno all’arena, dietro alle quali potete trovare del cibo.

Partite con una lancia: è la migliore per affrontare lo scontro. Inoltre ne troverete una già sul campo e il pubblico ve ne dà una appena inizia il match, quindi ne avete 3 a disposizione. Concentratevi sulle tigri: aspettiate che queste vi attacchino, quindi schivatele e attaccatele.

Utilizzate questa tecnica finché non le avete eliminate, quindi passate all’uomo. Se avete ancora una lancia, non avrete problemi ad eliminarlo. Se avete una semplice spada o comunque un’arma non grande, aspettiate che lui faccia la prima mossa, quindi attaccatelo mentre è scoperto.

—> Arena nel deserto, Ripresa III

Di nuovo una battaglia a squadre.

Obiettivo: distruggere le 3 statue avversarie

Partite con una mazza. Dite al compagno grosso di venire con voi e andate sul retro dell’arena, salite le scale e dirigetevi verso l’ultima statua. Non appena il collega ve ne dà la possibilità, attaccate la statua con la mazza e coi vostri pugni. Quando avete distrutto questa, restate dove siete, aspettate che il vostro compagno vada ad azionare la prossima leva e distruggete anche questa. Verrà sicuramente un nemico di quelli piccoli a disturbarvi. Riempitelo di mazzate e passate alla statua non appena lui cade a terra, quindi tornate a menarlo. Fate così finché entrambe le statue sono a pezzi o il nemico è morto.

Passate all’ultima statua che si trova nella base da cui sono partiti i nemici. Anche qui, aspettate che le grate si abbassino e iniziate subito a picchiare. Probabilmente verrà un nemico di quelli grossi a disturbarvi; sfruttate i suoi pugni e i suoi colpi per distruggere la roccia (nascondetevi dietro questa così il nemico distruggerà involontariamente la propria statua).

—> Il Senato

Si ritorna da Ottaviano, dentro al Senato.

Obiettivo: trovare Cicerone

Di fronte a voi, tre guardie vanno verso le loro postazioni; seguite quella che procede da sola e saltate nella stanza alla vostra destra passando dalla finestra. Avvicinatevi alla porta che dà nel giardino, aspettate che la guardia che va su è giù si diriga lontano da voi, quindi uscite e seguitela lentamente. Nascondetevi dietro la seconda panchina sulla destra stando abbassati, quindi, appena questa torna indietro, infilatevi nella prossima stanza. Nella stanza di fianco c’è poi una cameriera che gira intorno a un tavolo. Aspettate il momento buono per infilarvi dietro di lei, seguirla e poi nascondervi dietro il muro dove ci sono le caraffe. Prendetene una vuota e tramortitela appena la trovate girata di spalle. Prendete ora il vestito da cameriera, prendete una caraffa, dirigetevi verso la guardia stazionaria dall’altra parte del giardino (facendo il giro dove non c’è la guardia che pattuglia avanti e indietro) e passatele oltre. Questa vi fermerà per parlare di Cicerone; tornate indietro, rispondete di essere terrorizzata e non desterete sospetti. Dirigetevi ora verso la stanza con le 2 guardie, sorpassatela e giungete nella stanza in fondo, dove potete prendere una chiave.

Tornate indietro, sorpassate le due guardie, andate a sinistra della guardia stazionaria e aprite la porta che dà direttamente sul corridoio (quella chiusa a chiave). Una volta dentro appiattitevi all’armadio, avvicinatevi alla guardia e, appena questa si gira, andatele dietro e tramortitela con la caraffa. Ora appiattitevi al muro per arrivare dietro all’armadio, salite sulle casse e sull’armadio stesso, proseguite sul cornicione fino ad arrivare al collegamento con l’altra stanza. Quando siete dall’altra parte, scendete e proseguite per trovare Cicerone.

—> Arena nel deserto, Ripresa IV

Rieccoci nel deserto a combattere

Obiettivo: eliminare più nemici dell’avversario e totalizzare almeno 20mila punti Raffica

In questa gara, lo spettacolo dovrà essere protagonista. Partite con un maglio, quindi dirigetevi verso il nemico di fronte che implora pietà e distruggetelo. Passate ora sotto il ponticello, andate da un altro nemico e massacratelo sempre col maglio. Quando la vostra arma è quasi distrutta, tiratela addosso a qualcuno per ottenere tanti punti Raffica. In questo momento dovreste aver portato in alto l’eccitamento del pubblico, quindi incitatelo per ricevere un’arma potente e distruggere i nemici con altre mosse devastanti. A questo punto (anche dopo un solo minuto) dovreste aver già superato i 20mila punti Raffica necessari.

Eliminare più nemici dell’avversario non è difficile. Cercate di eliminare i nemici che l’avversario ha già colpito più volte, per rubargli le uccisioni. Sfruttate le armi che vi dà il pubblico per degli Effetto Domino ed eliminare più nemici in una volta. Utilizzate spesso le due trappole per uccisioni spettacolari. Fate uso di tutte le Raffiche che conoscete, dalle più banali alle più spettacolari.

L’unica cosa a cui dovete stare attenti è di non farvi accerchiare dai nemici. Nel caso vi capiti, cercate di uscirne colpendo i nemici un po’ a caso e scappando. Quando ne siete fuori, riprendete a combattere come prima.

—> Arena nel deserto, Ripresa V

Obiettivo: eliminare tutti i nemici

Partite con una lancia ed eliminate subito il nemico con la lancia di fronte a voi, quindi andate dalla donna con l’arco a frecce infuocate. Eliminate lei e il nemico che vi attacca da dietro, poi prendete l’arco e usate tutte le frecce (meno ne rimangono in giro, meglio è).

Sfruttate la lancia per eliminare i nemici con le armi migliori e poter utilizzare di conseguenza le loro. Incitate spesso il pubblico, sia per le armi che per il cibo.

Quando trovate due nemici di cui uno di tira l’olio e l’altro le frecce infuocate, scappate o eliminatene uno il più velocemente possibile: se riescono a colpirvi entrambi, lascerete le armi, brucerete e non riuscirete a fare niente per qualche secondo, quindi sarete ancora scoperti ai loro attacchi. La cosa migliore è andarsene, colpirne uno da lontano con un’arma, poi correre dall’altro e colpirlo il più possibile prima che il suo compagno si rialzi. Concentratevi su quello che lancia l’olio, perché senza quello non rischiate di prendere fuoco né con le frecce né con le trappole.

Sfruttate le trappole di fuoco il più possibile: quando siete senza armi, quando siete in cerca di cibo o quando siete in difficoltà, attirate i nemici verso le trappole e fateli bruciare. In questo modo farete anche cadere le loro armi e potrete impossessarvene.

Lasciate per ultimi i due nemici in alto: se salite e i nemici che sono in basso vi seguono, vi metterete in trappola da soli. Anche se di sopra ci sono due armi invitanti (un maglio e una lancia), non vale la pena rischiare.

Come nel combattimento precedente, è importantissimo non farsi accerchiare: qui i nemici hanno armi più potenti e ritrovarsi circondati può essere molto pericoloso. Per evitare ciò, state sempre in movimento e non fermatevi su un singolo nemico mentre ce ne sono altri 2 che vi stanno raggiungendo alle spalle.

—> Arena nel deserto, Ripresa finale

Questa volta dovrete affrontare un altro guerriero Valcross; peccato che sia accompagnato da un elefante non proprio docile.

Obiettivo: eliminare l’elefante

Potrà sembrare difficile ma non lo è. Partite con l’alabarda e mettetela in un posto che vi ricordate. D’ora in poi, fino a quando l’elefante non muore, tutte le armi grandi che il pubblico vi dà (a parte la lancia) le mettete con l’alabarda. Adesso utilizzate solo spade o mazze che trovate in giro o che vi dà il pubblico.

Attaccate l’elefante sempre di lato, ma di fronte o da dietro. Colpitelo ripetutamente finché non corre da qualche altra parte o non si mette su due zampe; in questo caso levati immediatamente di torno, perché subirete dei danni anche se ci sarete vicino.

Il nemico, dall’alto dell’elefante, vi lancerà ogni tanto dei vasi incendiari; non fateci tanto caso, perché i danni che vi provoca sono molto lievi.

State attenti alle cariche dell’elefante e ai sassi che vi lancia con la proboscide. Se gli state di fianco o se correte di continuo, non avrete comunque problemi.

Quando avrete ucciso l’elefante, si passa alla fase successiva.

Obiettivo: eliminare il guerriero Valcross

Anche questo pezzo non è difficile. Utilizzando le armi che avete messo da parte in precedenza non avrete problemi. Correte sempre intorno al nemico finché questo non attacca. Non appena questo ha finito di attaccare, colpitelo. VI basterà fare questo tante volte per eliminarlo.

In questo combattimento la lancia non è di aiuto: vi può capitare con molta (anzi, troppa) facilità di mancare l’obiettivo e di subirne il contrattacco; è per questo che vi ho detto di non metterla da parte e di utilizzarla contro l’elefante.

State attenti alle cariche del nemico: avendo un’arma pesante con voi siete più vulnerabili. State comunque sempre in movimento a molta distanza dal nemico e non avrete nessun problema.

—> Il Tempio

Ottaviano va da Marco Bruto, cercando di scoprire la verità sul “l’altro Bruto”.

Prendete le monete e passate sotto l’acquedotto. Partirà un scena.

Dopo la scena, prendete altre monete e uscite dal tempio per vedere un’altra sequenza filmata.

—> Dimora di Sesto

Sesto ha organizzato una festa per Agrippa e tutti si complimentano con voi; peccato che lo stesso Sesto non ci sia…

Parlate con i presenti per ricevere tutti i complimenti, quindi andate nella stanza di Sesto per trovare Claudia e scoprire novità sconvolgenti…

Ritorno alla gloria

—> Casa di Pansa

Pansa vi suggerisce di andare a casa di Antonio dove si pensa che siano le memorie di Cesare. Andate quindi dove detto.

—> Dimora di Antonio

Prendete una mela dal povero commerciante e andate verso il cavallo che, come dice il suo proprietario, si spaventa facilmente. Tirategli in testa la mela (state sul bordo del sentiero) e lo vedrete scappare stendendo le tre guardie. Prendete un vestito da guardia ed entrate.

Obiettivo: trovare la chiave per i sotterranei

Date un’occhiata alla mappa: vedete la vostra destinazione? E’ una porta, ma è chiusa a chiave; dovete perciò prendere la porta lì vicino, quella sul lato est del giardino. Procedete verso questa senza destare sospetti.

Dopo la sequenza filmata, prendete il cornicione di fianco alla porta e percorretelo oltre la fessura nel muro fino alla prossima stanza. Una volta in fondo scendete, prendete un vaso e avvicinatevi alla porta. Aspettate che la pattuglia inizi il suo tragitto verso ovest, quindi accodatevi a questa e colpitela col vaso. Arriverà l’altra guardia a controllare, quindi nascondetevi velocemente dietro la seconda cassa (appiattitevi al muro e state abbassati dietro alla cassa). Correte verso le scale non appena la guardia vi passa davanti.

Agite esattamente come vi dico. Prendete un caraffa col miele e mettetela vicino alla porta oltre la quale ci sono le due guardie (la caraffa deve essere vicino al bancone con le caraffe vuota e una col vino). Prendete ora una caraffa vuota e aspettate il momento buono per andare verso la cameriera e tramortirla. Aspettate dentro la stanza che le guardie si avvicinino e, quando sono quasi arrivate, voi venite fuori dalla stanzina e dirigetevi noncuranti verso le scale da cui siete venuti. Aspettate dietro il muro che le guardie tornino indietro, quindi andate verso queste, prendete la caraffa col miele e tramortite la guardia più vicina a voi (se anche questa vi scopre, infrangete il vaso contro il suo scudo). Cercate di infrangere il vaso sotto la soglia della porta, è importante. Ora non resta che aspettare che tutte le guardie scivolino sul miele e si mettano ko da sole (se ciò non succede, ricominciate). Prendete adesso il sacchetto di farina e una qualsiasi caraffa e dirigetevi verso l’ultima guardia rimasta. Andatele di fronte (anche se scatta l’allarme, questa resta ferma), infastiditela tirandole della farina e tramortitela con la caraffe. Prendete la moneta d’oro dalla guardia e proseguite.

Prendete la fune, andate verso la porta con la guardia che gira intorno alla piscina, aspettate che questa passi davanti alla porta, quindi uscite e tramortitela con la fune. Uscite ora dalla stanza verso il guardino e aspettate che la cameriera e il soldato nella stanza con la piscina vi tolgano gli occhi di dosso. Appena ciò accade, tornate indietro, prendete la caraffa con l’olio d’oliva e infrangetelo contro la cameriera. Ora dovete fare in modo che il soldato di fronte alla cameriera scivoli sull’olio d’oliva. Potrebbe succedere subito, ma potrebbe anche non succedere; in tal caso fate una corsa intorno alla piscina (intanto arriverà un’altra guardia dal giardino) e mettetevi dietro all’olio sparso per terra per attirare la guardia in una trappola. Fate scivolare allo stesso modo anche l’altra guardia, quindi prendete la chiave per i sotterranei dalla prima guardia caduta, tornate nel corridoio da cui siete venuti e uscite dalla porta in fondo.

Siete di nuovo nel giardino principale. Dirigetevi con tranquillità verso i sotterranei.

Entrate nella prima stanza sulla destra; ci sono ben 3 tigri. La chiave si trova nella stanza nell’angolo nord-ovest della mappa. Fate attenzione, perché basta un unico colpo della tigre per uccidervi. Procedete verso ovest appiattendovi al muro per oltrepassare i tavoli e prendete la torcia, la vostra unica possibilità di salvezza. Distruggete con colpi di torcia i 3 tavolini e tornate giù dalle scale. Ora fate un bel respiro e correte verso la tigre a nord. Appena le siete di fronte, sventolatele in faccia la torcia un paio di volte e aprite con estrema velocità la porta della cella. Quando siete dentro, la porta si richiuderà, quindi prendete la chiave (distruggete il tavolino con un colpo di torcia per trovarla) e avvicinatevi all’uscita. Fate un altro bel respiro, aprite la porta, sventolate la torcia in faccia un paio di volte, accendete la fiaccola fissata al terreno di fronte a voi con un colpo della vostra torcia e correte verso la porta da cui siete venuti. Accendete anche la prossima fiaccola e controllate sempre che non ci sia la tigre dietro di voi. In tal caso, usate sempre la torcia. Siate più lesti che potete ricordandovi di usare sempre la torcia. Se siete riusciti a scampare da questa morte quasi sicura, aprite la prossima porta per trovare qualcosa che valeva la pena di tutto ciò che avete appena passato.

—> Dimora di Sesto

Terminata la nuova sequenza filmata (con contenuti piuttosto preoccupanti…), andate nella stanza dove solitamente c’era Sesto e parlate con Dama. Date un’occhiata alla lettera di Sesto, quindi parlate con i presenti (sembra che Sesto abbia portato con se i migliori gladiatori) e dirigetevi verso la biga che vi porta alla Grande Arena (che è il Colosseo, ma lo chiamerò Grande Arena dato che nel gioco è chiamato così).

—> Grande Arena, Ripresa I

D’ora in poi tutti i combattimenti saranno tosti.

Obiettivo: liberare e salvare 3 ostaggi

Ci sono 3 donne rinchiuse in delle celle; dovete liberarle (servono delle chiavi per aprire le gabbie) e portarle in salvo.

Partite con Mazza grande e Scudo parma. La tattica è semplice: non dovete eliminare nessuno ma lasciarli tutti mezzi morenti che cammino stremati. Vi dico di fare così perché per ogni nemico che uccidete ne entra uno nuovo, sono infiniti; se li lasciate mezzi morenti, invece, questi non vi daranno problemi e potrete portare in salvo le donne.

E le chiavi? Teoricamente ci vogliono le chiavi per aprire le gabbie e si posso prendere solo eliminando i nemici. Le gabbie si possono però anche distruggere, basta darci dei pugni o dei colpi con delle armi; danneggerete l’ostaggio, ma le ferite provocate saranno molto lievi.

Partite allora dirigendovi velocemente verso l’uomo con l’arco, cercate di impossessarvi di questo e di usare tutte le frecce. Riprendete la vostra mazza e cominciate a picchiare anche gli nemici, a partire da quello con l’alabarda. Ricordatevi di non uccidere nessuno, appena vedete che questi camminano in qua e in là quasi perdendo l’equilibro, quello è il momento di lasciarli stare.

Quando tutti i nemici sono in cattive condizioni, cominciate con le liberazioni. Non ha importanza da dove cominciate, l’importante è prima attirare tutti i nemici dalla parte opposta dalla gabbia che avete scelto, quindi correre verso questa gabbia, distruggerla, parlare alla donna e accompagnarla all’uscita.

—> Grande Arena, Ripresa II

Questa volta vi scontrerete ancora con degli animali.

Obiettivo: eliminare tutti gli animali

Partite con scimitarra e formaggio. Per prima cosa dedicatevi alle tigri. Correte sempre a casaccio, aspettate che facciano la prima mossa, quindi attaccatele. Continuate così finché non le avete eliminate entrambe. State sempre attenti alle cariche dell’elefante, muovete la telecamera con lo stick analogico destro per controllarne la posizione e ed evitare di restare sul suo tragitto.

Quando le tigri sono a terra arriveranno le aquile, di cui alcune portano dei massi. Anche qui state sempre in movimento stando attenti all’elefante; aspettate che le aquile si abbassino per farle fuori con un paio di colpi.

Quando ne avete fatte fuori un po’ (in tutto sono circa 8) arriveranno altre due tigri. Stessa medesima tattica di prima.

Dopo aver eliminato anche queste due tigri, dedicatevi intermente all’elefante, ultimo rimasto. Nascondetevi dietro le statue, in modo che quando lui vi carica distruggerà le statue e vi permetterà di prendere le armi. Attaccatelo sempre ai lati e mai di fronte e di dietro. State attenti a quando si alza e poi si ributta per terra, perché anche se ci siete vicino subirete dei danni quando questo si butta per terra. Ci vorrà un po’ a tirarlo giù ma non abbiate fretta.

Ricordatevi che ci sono due pezzi di carne vicino alla catapulta. Usate anche la stessa catapulta contro l’elefante per dei punti Raffica, ma assicuratevi che l’elefante sia l’ultimo rimasto e non ci siano altri animali a disturbarvi.

—> Grande Arena, Ripresa III

Per l’ultima volta affronterete un combattimento a stanze: eliminate tutti i nemici in una stanza per accedere a quella successiva. Ci sono 4 stanze.

Obiettivo: eliminare tutti i nemici in ogni stanza

Partite con lo scudo spinato. Il trucco da usare in questa stanza è la trappola al centro. Portatevi dall’altra parte della stanza attirando lì i nemici, aspettate qualche secondo che arrivino tutti (non restate fermi ma correte in qua e in là per evitare gli attacchi nemici) quindi tornate dove eravate e azionate la trappola. Farete già un macello. Dovrebbero arrivare intanto nuovi nemici, tra cui un paio con l’arco. Eliminate il nemici con l’arco dalla vostra parte, quindi andate dall’altra parte e fate lo stesso. Se ci sono altri nemici a disturbarvi, andate dall’altra parte e attirateli sotto la trappola, quindi azionatela. Quando li avete fatti fuori tutti, prendete una qualsiasi arma (non una di quella a due mani) e procedete nella prossima stanza.

Qui il trucco sono le lame rotanti. L’unica cosa che dovete fare è mettervi tra le lame e correre intorno al centro insieme ad esse. Così facendo eviterete le frecce che vi lanciano alcuni nemici mentre gli altri, ingenuamente, si faranno uccidere dalle lame. Se le lame con cui girate intorno si rompono (come le altri armi, dopo un po’ si usurano e si rompono) andate dalle altre e fate lo stesso. Quando tutti i nemici sono ko, passate alla stanza successiva con una spada o una scimitarra.

In questa stanza affronterete inizialmente due donne con l’arco che si nasconderanno dietro i cespugli. Correte a casaccio per evitare le frecce e, quando ne avete individuata una, attaccatela e poi ricominciate a correre. Dopo averne eliminata una, prendete il suo arco e utilizzate tutte le frecce. Fate la stessa cosa anche dopo aver eliminato l’altra donna. Arriveranno altri nemici; come sempre, aspettate che siano loro a fare la prima mossa e poi attaccateli. Passate alla prossima stanza senza armi a due mani.

Qui dovete affrontare due donne e un uomo (che arriva dopo aver eliminato una donna). State attenti a non passare dal centro, dove vi potete scottare e far calare la vostra vita. State anche attenti ai colpi atletici delle donne, utilizzate spesso il tasto per parare e attaccatele non appena sono scoperte. Fate la stessa cosa con l’uomo.

—> Grande Arena, Ripresa IV

L’ultimo combattimento a squadre del gioco.

Obiettivo: distruggere le 4 statue avversarie entro 8 minuti e prima degli avversari

Partite con una mazza grande, portate con voi il bestione e dirigetevi verso la prima statua, che si trova dietro il passaggio tra le due basi. Un nemico (uno solo) vi attaccherà. Attaccatelo ma non eliminatelo: lasciatelo in fin di vita. Quando le sue condizioni sono pessime e comincia a vacillare, prendete la mazza del vostro compagno bestione e distruggete la statua; se la mazza si distrugge, prendete quella del bestione nemico oppure usate qualsiasi altra arma. Quando questa statua è distrutta, pensate alle altre 3. Avendo lasciato il nemico in fin di vita, non verranno altri nemici a disturbarvi. Se per sbaglio, però, lo uccidete, riducete in fin di vita il prossimo che arriva e proseguite. L’unico problema è la statua al centro dell’arena; dovete colpirla con i sassi (o con le altre armi che vi capitano sotto mano) mirando con la visuale in prima persona.

—> Il Tempio

Si ritorna per l’ultima volta da Ottaviano. Mentre vi dirigete verso il Tempio vi imbattete in Sesto e due suoi sgherri. Dovete affrontarli.

Ancora una volta sarà la torcia a togliervi dai guai. Prendetene velocemente una dal fuoco sulla destra e allontanatevi un po’ dai nemici che corrono. Fermatevi qualche mero più a sud dell’albero e anche loro si fermeranno. La vostra tattica consiste nell’aspettare che loro vi attacchino, quindi gli date un colpo di torcia per bruciarli un po’. L’attacco iniziale dei nemici consiste in un colpo di alabarda. Dopo che uno di loro ha sferrato l’attacco, avvicinatevi e colpitelo con la torcia; questi resterà immobile per qualche secondo, quindi si riprenderà. Fate la stessa cosa con l’altro nemico. Dopo averli colpiti per la prima volta, il nuovo attacco dei nemici consiste in due colpi di alabarda, quindi attaccateli entrambi allo stesso modo di prima stando attenti al loro nuovo attacco. Dove aver colpito i nemici per la seconda volta, questi vi lanceranno addosso la loro alabarda (abbiate quindi cura di scappare prontamente e di nascondervi possibilmente dietro un albero), poi vi caricheranno. Colpiteli con la torcia appena vi capitano a tiro. Dopo la terza volta che li colpite, questi si butteranno in acqua.

Sesto agirà di persona e vi attaccherà. Per fortuna arriva Claudia a salvarvi da una situazione impossibile da superare.

Dirigetevi verso l’ingresso del tempio per assistere ad una sequenza filmata rivelatrice di alcuni misteri.

—> Grande Arena, Ripresa V

D’ora in poi agirete solo nei panni di Agrippa. Vi aspetta un assedio.

Obiettivo: eliminare il boss

Partite con una lancia. Per prima cosa attaccate il nemico di fronte a voi ma non uccidetelo. Ricordatevi che se non uccidete nemici non ne verranno di nuovi. Dopo averlo ridotto in fin di vita prendete una roccia, mettetela sulla catapulta e tiratela contro il cancello per sfondarlo. Prendete su la vostra lancia e andate oltre il cancello, dove c’è un altro nemico. Riducete anche questo in fin di vita, quindi salite la scala che porta ad uno dei due arcieri. Anche questo sarebbe bene non eliminarlo, ma l’importante è che non gli lasciate l’arco. Dopo averlo preso, scendete e usate tutte le frecce che avete contro l’altro arciere, quindi andate a prendere il suo arco e usate anche qui tutte le frecce.

Tornate al piano terreno e affrontate eventuali nuovi nemici nel caso ne abbiate precedentemente ucciso qualcuno. Ricordatevi di non ucciderli.

Raggiungete la lunga passerella che vi porta al boss e, lunga questa, troverete un altro nemico dotato di arco. Corretegli contro stando attenti ad evitare le sue frecce, quindi attaccatelo. Cercate di attirarlo verso il piano terra, lontano dalla rampa che porta al boss: lasciandolo in fin di vita in un posto lontano non verrà a disturbarvi nella lotta finale.

Andate dal boss. Non è difficile eliminarlo: fate voi la prima mossa, colpitelo più volte, quindi schivate la sua reazione correndo via o girando intorno a lui. Sarà una battaglia lunga ma non avrete problemi. Magari sfruttate il momento in cui traballa per fargli una catapulta e farlo volare giù dalle torre per tanti bei punti Raffica.

—> Grande Arena, Ripresa VI

Questo è un tipo di battaglia nuovo. E difficile.

Obiettivo: prendere la Rudis e mostrarla al pubblico in cima alla torre entro 10 minuti

Avete 10 minuti di tempo per rubare la Rudis da uno dei nemici morti, salire fino in cima alla torre e mostrarla al pubblico. Stabiliamo subito chi ce l’ha: la posseditrice della spada di legno è la terza donna che compare nell’arena.

Per prima cosa, correte verso la donna con l’arco sul blocco in fondo a sinistra. Uccidetela velocemente e scendete prima che salga il nemico con l’alabarda e che questo vi attacchi. Una volta giù, tutto ciò che dovete fare è uccidere più nemici che potete. Non importa quali, non importa come, l’importante è farne fuori tanti e velocemente.

State attenti ai nemici che vi lanciano le frecce: o li andate ad affrontare (ma è rischioso, perché poi tutti gli altri vi seguono e vi mettete quasi in trappola) oppure scappate e vi rifugiate dietro la torre e centrale o dietro i blocchi agli angolo dell’arena.

Fatevi mandare armi potenti dal pubblico, ma state assolutamente attenti che queste non cadano nelle mani nemiche: se ciò accade, vi ritroverete in netta difficoltà. Avventatevi sulle armi che vi lanciano, impossessatevene subito e massacrate i nemici. Se avete un’arma a due mani farete facilmente tanti danni, ucciderete più velocemente e il pubblico vi darà altre belle armi.

Incitate spesso il pubblico per farvi mandare della carne. Possibilmente, però, fatelo quando non avete armi a due mani: in quel caso, mente voi mangiate la carne, i nemici vi rubano l’arma e la usano contro di voi, rendendovi la vita molto difficile.

Quando affrontate più nemici, non cercate troppo i fendenti (che vi scoprono ai nemici che non colpite) ma effettuate attacchi orizzontali per colpirli tutti in una volta.

Tenete sempre d’occhio i nuovi nemici che arrivano: appena individuate le due donne, dovete concentrarvi su di loro e cercare di farle fuori il prima possibile. Appena sono morte prendete la Rudis e, non curanti dei nemici rimasti, correte verso la torre centrale e salite. Al primo piano c’è un nemico grosso con un’alabarda; non affrontatelo, girategli intorno e salite la scala per raggiungere l’altare in cima. Se qui c’è un nemico non preoccupatevi di eliminarlo, l’importante è raggiungere l’altare e mostrare l’arma al pubblico.

—> Grande Arena, Ripresa finale

Al termine della ripresa finale nel deserto l’avete apertamente minacciato. Ora è di fronte a voi. Avete l’occasione di eliminare Decio Bruto, colui che uccise vostra madre.

Obiettivo: eliminare Decio

La tattica è semplice ed intuitiva: corretegli sempre intorno finché non vi attacca. Aspettate che Decio termini il suo attacco, quindi colpitelo 2-3 volte e riprendete a corrergli intorno.

Se la situazione vi sfugge e Decio vi si avvicina troppo, usate il vostro scudo per parare i suoi colpi.

Dopo avergli tolto metà della vita ci sarà una scena filmata con lo straordinario ritorno di Giulio Cesare…

Ora che avete scoperto tutta la verità sulla morte di Cesare, è il momento di porre fine alla vita di Decio.

La tattica per eliminarlo non cambia di una virgola a quella di prima.

—> Antonio

Obiettivo: eliminare Antonio

A Decio subentra Antonio ma la tattica da utilizzare è sempre la stessa: corretegli sempre intorno finché non vi attacca. Aspettate che Antonio termini il suo attacco, quindi colpitelo 2-3 volte e riprendete a corrergli intorno.

Se la situazione vi sfugge e Antonio vi si avvicina troppo, usate il vostro scudo per parare i suoi colpi.

Gli attacchi di Antonio sono più potenti ma comunque sempre facili da evitare. Occhio solo al suo fendente che può procurarvi parecchi danni. Fate attenzione anche ai suoi movimenti; mentre gli correte intorno, state sempre attenti a non andargli troppo vicino: più lontano gli state, meglio eviterete i sui attacchi e meno problemi avrete.

—> Per le strade di Roma

Dopo la nuova sequenza filmata, vi ritrovate per le strade di Roma a dover affrontare alcuni nemici.

Obiettivo: salire le scale in fondo al sentiero

Sfondate con la spada o con una roccia la porta alla vostra destra, entrate e andate in fondo alla stanza ad eliminare il nemico. Prendete il suo arco, uscite ed eliminate i nemici sui balconi con due frecce. Sfondate la prossima porta allo stesso modo di prima ed eliminate l’uomo in fondo. Niente di particolare, se siete arrivati a questo punto non avrete alcuna difficoltà, questa è normale routine. Sfondate ancora la prossima porta, eliminate se volete il prossimo nemico e salite le scale.

—> Zedo & Gedo

La signora Cleopatra vi manda due suoi simpatici amichetti.

Obiettivo: eliminare Zedo & Gedo

Partiamo dicendo che Claudia è assolutamente immortale, quindi non preoccupatevi quando si trova sotto attacco e non pensate mai di aiutarla: pensate sempre e solo a voi stessi. Anzi, quando Claudia è attaccata da entrambi è il momento migliore per attaccare uno di loro.

La vostra unica difesa da loro sono il vostro scudo o la vostra spada (o qualsiasi altra arma abbiate); se vi parate dall’attacco del nemico lo respingerete sempre, quindi, quando Zedo o Gedo vi attacca, l’unica cosa che dovete fare è pararvi. Dopo esservi parati potete contrattaccare.

Non insistete mai nell’attacco o finite per scoprirvi e per essere colpiti. Colpite un paio di volte il nemico quando questo è scoperto, quindi andatevene.

Non restate mai farmi o diventerete semplici bersagli. Correte sempre intorno alle due siepi e aspettate il momento buono per attaccare il nemico. I momenti favorevoli sono appena dopo aver respinto un suo attacco e mentre sta attaccando Claudia. Evitate di attaccarlo in altre circostanze o danneggerete solamente la vostra arma.

Appena vedete che Zedo e/o Gedo fanno un attacco speciale, levatevi immediatamente di torno. Quando avranno finito, tornate a correre intorno alla siepe.

Controllate sempre la posizione di entrambi i nemici: non azionate la legenda perché, mentre la guardate, il gioco non è in pausa e i nemici potranno attaccarvi senza che voi possiate fare niente. Muovete invece la telecamera con R3 mentre correte per individuare costantemente le loro posizioni.

Vi capiterà che Zego e Gedo vi intrappolino, chiudendovi all’interno di un corridoio; in questa caso, la cosa migliore da fare è correre verso uno di loro, parare l’attacco, girargli intorno e scappare oltre. Se rimanete chiusi, perdere della vita sarà molto facile.

Non preoccupatevi di usurare la vostra arma: se rimanete senza, Claudia uscirà dalla zona (cosa che voi non potete fare) e ve ne procurerà una nuova. L’unica cosa a cui dovete stare attenti è che, mentre Claudia è via, Zedo e Gedo si concentreranno entrambi su di voi, quindi abbiate cura di tenervi alla larga da loro in questa frazione di tempo.

—> Per le strade di Roma

Siamo arrivati al mare e Claudia riconosce la nave di suo fratello.

Obiettivo: imbarcarsi sulla nave di Sesto

Raggiungere la nave non sarà difficile: lungo il tragitto non affronterete mai più di tre nemici alla volta e avrete sempre con voi l’immortale Claudia, quindi sfruttatela per attirare i nemici su di lei e attaccarli da dietro. Distruggete tutte le casse che trovate per trovare cibo e armi. Ogni volta che passate di livello, portate sempre con voi l’arma migliore del livello in cui siete dato che lì non potrete più tornarci. Mangiate anche più che potete.

Lungo il percorso affronterete anche alcuni bestione ma non saranno difficili da eliminare. Non prendete comunque questo pezzo troppo alla leggera: state sempre vigili e non date mai la vittoria per scontata. Non buttatevi nella mischia ma allontanatevi da un gruppo di nemici, aspettate che intervenga Claudia, quindi agite di conseguenza.

La daga è un’ottima arma secondaria: mettetevi alle spalle del nemico quando questo è tramortito e usate la daga per eliminarlo velocemente.

Una volta sulla nave, dopo una scena di intermezzo, dovrete affrontare Sesto.

—> Sesto

Obiettivo: eliminare Sesto

Era un vostro grande amico, ma dovete eliminarlo. Non sarà certo facile, ma la tattica è sempre la stessa: corretegli sempre intorno finché non vi attacca. Aspettate che Sesto termini il suo attacco, quindi colpitelo 2-3 volte e riprendete a corrergli intorno.

Se la situazione vi sfugge e Sesto vi si avvicina troppo, usate il vostro scudo o la vostra arma per parare i suoi colpi.

Questa volta, però, corrergli intorno sarà più difficile, perché ogni tanto vi sorprenderà con movimenti improvvisi in qua e in là. Tenete quindi sempre gli occhi aperti e siate pronti a levarvi di torno e a parare i suoi colpi.

Quando Sesto casca a terra dopo i vostri colpi, non insistete su di lui: Sesto si scanserà, vi attaccherà e non potrete farci niente, quindi levatevi di torno.

Tutto intorno all’area di combattimento di sono delle casse con armi e cibo. Sicuramente ne avrete bisogno, quindi distruggetele tutte all’inizio in modo tale che, quando ne avrete bisogno, le avrete subito a portata di mano.

Non aspettate a mangiare fino a quando la vostra a vita è agli sgoccioli: già quando siete a metà è importante andare a mangiare. Se poi il cibo è troppo lo lasciate per terrà, ma dato che un suo attacco a segno può facilmente togliervi quasi metà della vita, è meglio prevenirsi.

Quando l’avrete eliminato, partir una drammatica sequenza filmata.

—> Sulle navi

Ottaviano vi raggiungerà e vi porterà da Antonio (che è ancora vivo). Per raggiungerlo, però, dovete passare attraverso alcune navi.

Obiettivo: trovare Antonio

Di fronte a voi ci sono due nemici; attirateli verso di voi, quindi attaccate il più vicino e poi il più lontano. Dopo un paio di attacchi alternati dovreste riuscire ad ammazzarli. Come potete vedere il ponte della nave è pieno di casse contenenti armi. Andate in fondo alla nave, azionate il ponte colpendo la leva e saliteci sopra. Vedrete arrivare un bestione. Attiratelo sul ponte e non andate sull’altra nave altrimenti il ponte crollerà. Dopo aver fatto fuori il bestione tornate sulla vostra nave a prendere armi nuove e proseguite nella nave nemica, sotto coperta.

Affrontate il nemico prima della scale e uccidetelo. Entrate nella stanza con la porta verde per trovare due armi nuove; sceglietene una e scendete le scale. Ci sarà un crollo e un tratto andrà a fuoco. Lasciate che i prossimi due nemici passino attraverso questo tratto, così si indeboliscono, quindi affrontateli. Se vi trovate in difficoltà, ripiegate e riaffrontateli. Dopo averli fatti fuori prendete lo scudo da uno di loro e affrontate l’ultima guardia in fondo. Occhio alla sua scimitarra, parate i suoi colpi e contrattaccate. Proseguite nella prossima stanza dove troverete del cibo. Mangiate tutto e salite la scala in fondo.

Dalle casse dietro prendete l’arco di fuoco e una scimitarra potente, azionate il ponte, fermatevi circa a metà di questo e uccidete con le frecce l’arciere sull’altra nave. Andate su quella nave e usate le restanti frecce contro gli altri nemici, quindi affrontateli con la vostra scimitarra. Nella prossima nave portatevi dietro uno scudo e una mazza potente.

Aprite la porta e affrontate il nemico sulla scale. Dopo averlo eliminato, vi attende un altro nemico giù dalle scale (occhio al crollo e al tratto infuocato: se correte verso il nemico riuscirete ad evitarlo). Dopo aver fatto fuori anche questo ve ne attendono altri due. Il primo non è difficile da eliminare, ma il secondo ha una lancia. Prendete lo scudo e la spada dall’ultimo che avete eliminato, quindi avvicinatevi al nemico, parate il suo colpo e contrattaccatelo. Fate così finché non lo eliminate. Rifocillatevi nella prossima stanza, portate con voi le armi migliori che si trovano sulla nave in cui siete e proseguite.

—> Antonio

E’ la battaglia finale. Antonio ha 5 vite e un’arma molto potente e indistruttibile, ma potete farcela.

La tattica da utilizzare? Indovinate… E’ sempre la solita: correte intorno ad Antonio finché lui non vi attacca, quindi schivate il colpo, attaccatelo e ritornate a corrergli intorno.

Intorno a voi ci sono molte casse, ricordatevi di distruggerle quando vi servono armi o cibo.

Quando Antonio salta in cima al ponte della nave e da fuori vi lanciano dei vasi incendiari, quello che dovete fare è correre intorno alla zona di combattimento stando lungo i bordi ed evitando di camminare sul fuoco che compare.

Quando la sua vita sarà oltre la metà, ogni tanto Antonio diventerà rosso e l’inquadratura sembrerà leggermente più sfocata, un po’ come se foste mezzi ubriachi. Non fatevi intimorire e continuate con la stesa tattica: corretegli intorno e attaccatelo appena lui ha terminato il suo attacco.

Sarà lunga ed estenuante ma non è molto difficile. Non vogliate troppo da voi stessi e non attaccatelo più del dovuto o ne subirete le conseguenze. Non fermatevi mai o sarete subito attaccati. Attaccate Antonio solo ed esclusivamente quando ha terminato un attacco nei vostri confronti, è l’unico modo per farcela.

Godetevi la fine del gioco…

By Enrico Gallinucci

Fonte : P2P

 

3 pensieri riguardo “SHADOW OF ROME SOLUZIONE COMPLETA PC

  • 6 agosto 2009 in 13:56
    Permalink

    ma quanto ci hai messo x scrivere tutto questo ❓

     

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *